Siamo alla frutta?

sgr44.jpg

A volte mi sembra di vestire i panni di Don Chisciotte e combattere contro i mulini a vento!  Penso che insieme a me tante e tante altre persone non abbiano più parole per definire l’operato degli amministratori che si sono succeduti alla guida di questo paese per riuscire a ridurlo a questi livelli . Sono consapevole che ad oggi le risorse finanziare sono ridotte al lumicino, ma allora che cavolo si promette a fare se si è certi di non poter ottemperare alla realizzazione di progetti che rimangono  tali nella testa di chi crede di aver ottenuto ciò che sperava, prendendo in giro i poveri elettori? Io non sono (e per questo sono felice) un cosi detto politico o pseudo tale, e non riesco neanche ad immaginare burocrazie e procedure; sono un semplice cittadino e come tale salta agli occhi immediatamente il degrado di certi luoghi, la lampante assenza di idonei servizi , e l’incompetenza a gestire il paese. Dai “parchi” abbandonati a se stessi grazie anche alle civili barbarie delle persone che in barba alle più semplici ed elementari regole violentano quei posti abbandonando rifiuti di ogni tipo e dove si radunano a dispetto di ogni controllo persone dal fare assolutamente non lecito; dalle vie cittadine ridotte a simil –strade di campagna e dove vengono otturati alla meno peggio le buche che si aprono in continuazione complice un’asfalto mai fatto per bene;  da una lotta per “il potere” sono sicuro per il sol fatto di apparire e dove coalizioni più o meno comprensibili stanno lì…….a fare cosa? Questo paese sta diventando sempre più brutto e non possiamo addormentarci sperando che da Maggio a Settembre vangano pellegrini e turisti per far “respirare” albergatori e ristoratori a volte improvvisati e non per nulla professionali. Bisogna secondo me,  iniziare a fare  “politica” e a pensare al paese senza tante promesse faraoniche; basterebbe anche solo fare “il politico”,  quello vero però!

Siamo alla frutta?ultima modifica: 2013-03-12T12:55:09+00:00da ilkardone
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.